Dai una spinta al recruiting con i dati 2015
su 7 milioni di professionisti che hanno cambiato lavoro di recente

Attirare l’attenzione dei candidati è difficile. E convincerli a scegliere la tua azienda lo è ancora di più. Come puoi farti notare e invogliare i professionisti a risponderti?

Abbiamo studiato 7 milioni di membri di LinkedIn per scoprire come hanno cambiato lavoro. Poi abbiamo chiesto a 10.500 di loro cosa li ha spinti alla svolta. Il risultato è una serie di consigli che ti aiuteranno a orientare i candidati verso la tua azienda, anche quando non stanno cercando attivamente un impiego. Eccone alcuni.

  1. Il denaro non è tutto. I professionisti vogliono soprattutto crescere. Per catturare la loro attenzione, offri un’opportunità di carriera, non un lavoro.
  2. Chi non conosce il tuo talent brand esita di più. Il più grande ostacolo per chi cambia azienda è non sapere come sarà lavorare altrove. È un problema a cui puoi ovviare rafforzando e comunicando il tuo talent brand.
  3. Le piccole aziende stanno acquistando importanza. I professionisti tendono sempre più a migrare verso realtà più piccole. Attira i candidati dotati di spirito imprenditoriale mettedo in luce le caratteristiche tipiche di una piccola azienda.

Perché, rispetto agli ultimi 5 anni, i professionisti sono più che mai aperti ad ascoltare i recruiter? Qual è la percentuale di persone che ha cambiato lavoro? Quali sono le caratteristiche che le donne, i giovani e i professionisti dei diversi settori cercano in un impiego?

Scopri le risposte a queste e altre domande su come e perché si cambia lavoro. Scarica il nostro report 2015.

Inviando questo modulo, accetta che possiamo utilizzare i dati che fornisce per contattarla e comunicarle informazioni relative alla sua richiesta e al prodotto di LinkedIn in questione. Se è un membro di LinkedIn, può gestire i messaggi che riceve dalle impostazioni di LinkedIn. Se è un ospite, può annullare l’iscrizione alle email di marketing di LinkedIn in qualsiasi momento cliccando sul link di annullamento contenuto nell’email. Per saperne di più, consulti l’Informativa sulla Privacy di LinkedIn.